Se il mostro è uno di noi

Può capitare in questi nostri anni multimediali, di connessione tra i mondi, che il nostro vicino di casa tenga una donna segregata in casa, che la riduca in schiavitù, che la renda madre delle sue violenze sessuali, e che i figli avuti debbano condividere con lei le violenze, la segregazione, i ratti, gli escrementi, l’abbandono e il terrore.

In questi tempi di scarpe rosse e fiocchetti colorati, mostrati al mondo intero come risoluzione della nostra emancipazione e della nostra libertà, può capitare che non si sappia nulla delle tragedie che altre donne vivono ad un passo di noi, perché è importante non mostrarsi curiose, invadenti; è importante essere superiori, non impicciarsi come facevano le vecchiette pettegole del paese, sedute alla sera in mezzo alla via, a controllare il traffico altrui, e le altrui debolezze.

Viviamo l’epoca in cui è così bello e facile “essere tutti qualcuno”, che non ci siamo accorti di essere più nulla. “Siamo tutti palestinesi, siamo tutti francesi, siamo tutti terremotati, siamo tutti massacrati.” Io, non ci ho creduto mai. Perché non può essere vero che riusciamo ad essere così partecipi del dolore di intere nazioni, mentre non riusciamo ad essere partecipi della tragedia che una donna – o una persona –  vive a dieci passi da noi.

Il mostro, si sa, non può essere uno di noi. Se così fosse, come si potrebbe continuare a vivere in leggerezza in questi anni pesanti e sfinenti? Meglio allora pensarlo nero, sbandato, senza lavoro ma col wifi e i 35 euro in tasca. Meglio non sapere il suo nome e chiamarlo “quello là”. Da troppo tempo i mostri son quelli che arrivano dal mare, che ci invadono, che ci rubano il lavoro e le donne. Poi col tempo si cambiano le etnie, ma mostri restano senza dubbio alcuno. In principio furono gli albanesi, e poi, via via … il resto lo sappiamo. E quando sembra che tutto non sia proprio così, come ci vorrebbero far credere, basta un attimo: basta far circolare ancora la notizia delle “spose bambine” per riportare l’indignazione di massa là dove deve stare. Lontana da noi.

Ma capita che in Calabria, un uomo tenga segregata una giovane donna per dieci anni, la sposti da una casa all’altra fino a rinchiuderla in una baracca con la catena alla porta. Capita che la violenti, che la sottoponga a torture davanti ai suoi bambini – figli di quelle violenze – che la ferisca, che le strappi la carne e gliela richiuda con la lenza da pesca quando sanguina troppo, che la lasci vivere in mezzo ai suoi stessi escrementi – insieme ai suoi bambini – che ne faccia una schiava, e che renda schiavi anche i suoi figli. Che la tenga isolata dal mondo per dieci lunghissimi anni. Nel silenzio di chiunque abbia intuito, o saputo. Di chiunque non si sia mai posto una domanda su quel bambino che ogni tanto vedeva seguire “suo padre”, sporco, tignoso, malnutrito e abbia girato lo sguardo altrove, per non vedere che il mostro, era proprio uno di noi.

La donna – ragazza- invece no; lei è rumena. Una ragazza arrivata qua perché sperava che noi fossimo meglio di loro.

Rita Pani (APOLIDE)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>